GarbatellaToday

Ex Mercati Generali: “Da città dei giovani a città del consumo”

Un’iniziativa simbolica concertata da LOA Acrobax e dallo studentato Alexis Occupato. Insieme per affermare che “oggi inizia un percorso nelle strade, nei territori, nelle occupazioni per dire che Roma non si vende!”

Gli ex Mercati Generali di via Ostiense, sono stati in mattinata il teatro di un’iniziativa simbolica messa in atto dagli attivisti del  Laboratorio Occupato Autogestito Acrobax e dallo studentato occupato Alexis. “Oggi decidiamo di segnalare gli ex- Mercati Generali di Ostiense perchè  rappresentano a tutti gli effetti un esempio lampante delle scelte politiche, dei flussi speculativi, dell'uso delle risorse e del modello  di sviluppo che si immagina su un territorio che ha bisogno di ben  altro – spiegano in un lungo comunicato Acrobax e Alexis -  Da anni si sente parlare della "città dei giovani" o di "alloggi per  studenti" dentro la costruzione di una piccola città del consumo  promossa dagli interessi di grandi imprenditori e delle note forze  politiche, i quali uniti dalla voglia di speculare sulle vite e sui  territori perseguitano un modello di sviluppo - in piena regola  neoliberista - basato sui profitti di pochi ed a discapito della vita e delle necessità di tutti i soggetti che attraversano e vivono il  territorio”.

LA FALSA OCCUPAZIONE - Grande attenzione è rivolta, da parte di Acrobax e Alexis, al tema dell’occupazione giovanile. “Ecco cosa intendono quando parlano di "creare nuova occupazione" – premettono, prima di fare l’esempio di “Un’ opera nociva e generatrice di debito, cementificazione e precarietà  come l’Expo 2015 di Milano (vero e proprio laboratorio di precarietà da  estendere a livello nazionale) venduto dal governo Letta come baluardo di avanzamento in tema di disoccupazione, ma che, secondo il protocollo  sottoscritto con i sindacati, sarà sorretto da un’enormità di forza- lavoro gratuita”. Una visione che gli attivisti di Alexis e Acrobax non possono condividere, perché oltretutto nascono da “obsoleti discorsi di cui si riempono la bocca i partiti e i governi  dell'Europa ai tempi dell'austerity, in una visione d’uscita dalla crisi che lontano dall’utilizzo sensato delle risorse collettive e da una  concreta redistribuzione della ricchezza, altro non fa che accentuare il divario tra ricchi e poveri, impoverendo e precarizzando le vite di  molti e per la salvaguarda delle ricchezze di pochi. Ecco cosa si cela dietro la risposta europea alla crisi dell’occupazione  giovanile – leggiamo sempre nella nota- l’ ‘European Youth Guarantee’, un programma di politica attiva in tema di mercato del lavoro basato su un accreditamento e finanziamento delle società private in tema di formazione che porterà alla solita lenta, contorta ed artificiosa macchina amministrativa piuttosto che ad una reale risoluzione del problema “strutturale” della disoccupazione giovanile”.

LA GOVERNANCE - “Una questione semplice ci va di porre oggi, qui: chi decide cosa? Chi decide sul cambiamento di un territorio in un quartiere , in questo caso sugli ex-mercati generali, se le persone che lo abitano non vengono minimamente prese in considerazione? Dietro tutto questo, ovviamente gli interessi del PD e di grandi imprenditori, gli stessi che portano l'Eataly ad Ostiense , gli stessi che vedono la fabbrica di Roma 3 avere un impatto devastante per tutto il territorio.  Aspettando il famigerato vertice di luglio sulla disoccupazione giovanile, oggi abbiamo deciso di venire a segnalare quanto accadrà
all’area degli ex-Mercati Generali. Oggi è solo un primo momento comunicativo ma fin da subito diciamo che, in questo luogo, torneremo  più volte ed in più forme.  Contemporaneamente a Roma si stanno bloccando più punti. Una reale  giornata di mobilitazione contro la speculazione e la svendita del patrimonio pubblico del comune di Roma. La recente approvazione della delibera straordinaria sull’edilizia residenziale pubblica non è in grado di far fronte neanche in minima parte all'emergenza abitativa dilagante che soffre questa metropoli. E non ci accontenteremo di qualche carotina e di presunte prese di responsabilità che poi vengono automaticamente smentite nei fatti.

GENERAZIONE SENZA FUTURO - Gli attivisti di Acrobax ed Alexis rivendicano le loro scelte. E lo fanno anche in funzione di un’ appartenenza sociologica ad una generazione priva di futuro. Quella dei giovani. “Siamo i precari e le precarie , studenti, cassaintegrati, disoccupati, neet  - spiegano nella nota -  siamo l’esercito considerato invisibile dalle statistiche, siamo quelli senza pensione, siamo quelli senza presente nè futuro , siamo quelli che non possono e non vogliono stare ad aspettare e che non credono più nella mediazione ma che credono che è tempo di muoversi e prendersi ciò che ci serve.

ROMA NON SI VENDE - Diciamo allora che da qui parte un percorso che ci vedrà nelle strade, nelle occupazioni, nei territori da qui ai prossimi mesi a smascherare ciò che si cela dietro alle loro finte prese di responsabilità , un percorso che dice una cosa molto chiara: Intanto dateci casa e reddito, poi , forse, ne riparliamo non trattiamo niente – termina la nota – ci riprendiamo tutto: qui nessuno arretra!”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

  • Omicidio a Marconi: colpito da una coltellata, morto 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento