GarbatellaToday

Municipio VIII, dimissioni Pace: "Divorati dal loro rancore, ma tra 20 giorni potrebbero ripensarci"

Le opposizioni invitano il presidente Paolo Pace a non tornare indietro rispetto alla decisione presa. Dal centrodestra al centrosinistra ricordati i passi falsi dell'amministrazione penstastellata

Municipio VIII a rischio caos. Le dimissioni del presidente Pace, protocollate nella mattinata di giovedì 16, segnano un passaggio importante. Ma non necessariamente definitivo.  A termini di regolamento c’è la possibilità di ritirarle entro venti giorni. Un periodo sufficientemente lungo per provare a ricucire lo strappo con il gruppo dei 9 consiglieri penstastellati. Un’opzione che, inevitabilmente, non  incontra il favore dei consiglieri d’opposizione.

NO AGLI INUTILI BALLETTI - “Dispiace sul piano umano per la persona di  Paolo Pace – premette il Capogruppo di Fratelli d’Italia Alessio Scimè – ma considerando la costante opposizione interna dell’ala integralista dei 5 stelle, è stato un atto dovuto. Speriamo che arrivati a questo punto non si cominci con degli inutili balletti ed anzi chiediamo che, ai cittadini, sia data possibilità di voto prima possibile”.

AVANTI SENZA RIPENSAMENTI - La richiesta di nuove elezioni arriva anche dal centrosinistra. Appresa la notizia, il Partito Democratico si è subito mosso indicendo una conferenza stampa. “Prendiamo atto che dopo tanti mesi trascorsi a litigare, sono state protocollate le dimissioni da parte del presidente Pace – premette la capogruppo Annarita Marocchi, raggiunta telefonicamente prima della conferenza stampa  – Per il bene del Municipio ed anche della città, gl ichiediamo di portare avanti coerentemente questa decisione.  E quindi di lasciare definitivamente l’incarico. In questo periodo i Cinque Stelle  sono riusciti a chiudere due ludoteche, il centro Alzheimer, hanno bocciato l’atto sui Mercati Generali ed anche quello sulla riapertura del parco di  Tor Marancia. Il loro fallimento – conclude la capogruppo democratica – era già stato certificato dai fatti”.

UN'ESPERIENZA DA INTERROMPERE - L’analisi di Forza Italia s’inscrive nello stesso solco. “La frammentazione dei Cinque Stelle, nel corso degli ultimi mesi è stata sotto gli occhi di tutti – osserva Maurizio Buonincontro, capogruppo di FI – hanno disatteso le aspettative dei residenti, per com’erano state annunciate nel loro programma elettorale. Il risultato è stata questa continua contrapposizione che ha portato ad un lungo periodo d’inattività cosa che, a lungo andare, condiziona il buon andamento dell’amministrazione. In questo modo infatti – osserva Buonincontro  – si è rinunciato a prendere posizione su questioni importanti che stanno attraversando il territorio. Quell’esperienza, per queste ragioni, va interrotta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE CONSEGUENZE DEL RANCORE - Lapidario il commento dell’ex presidente Andrea Catarci. “Sono stati divorati dal loro stesso rancore . Un livore che nelle ultime settimane era cresciuto a dismisura ma che di base c’è sempre stato nei confronti di chi non è un pentastellato. Adesso però hanno indirizzato quest’atteggiamento tracotante verso loro stessi. Se poi è deflagrato – osserva Catarci –è per le difficoltà che hanno incontrato nel gestire servizi ed opere all’interno del territorio. Ma anche per il comportamento di un’opposizione che non è stata cieca e che al contrario con intelligenza ha posto i temi importanti del territorio al centro del dibattito. Dall’I60, che ha portato alla loro prima rottura, agli ex Mercati Generali. Ora la frattura è arrivata, ma non è detto che siamo in presenza dello scontro finale – avverte l’ex Minisindaco – le dimissioni protocollate potrebbero essere il loro penultimo passo falso. Se decideranno di ritirarle, allora la speranza è che lo facciano per incominciare davvero a governare questo territorio. Altrimenti – conclude Catarci, in accordo con i leader degli altri schieramenti d’opposizione – sia data la possibilità ai cittadini di tornare al voto”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di luglio: i quartieri dove ci sono stati più casi

  • Gita fuori porta: cinque luoghi da non perdere a due passi da Roma

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: quattro arrivano da altre regioni. I dati Asl del 31 luglio

  • Coronavirus, a Roma 13 nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 30 luglio

  • Coronavirus, 9 nuovi casi a Roma. Tutti i dati dalle Asl del primo agosto

  • Coronavirus, a Roma città 25 nuovi positivi al Covid19: 34 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento