GarbatellaToday

Ex Fiera di Roma: la decisione di uscire da Investimenti Spa “é decisamente tardiva”

L'annuncio del Sindaco di voler uscire da Investimenti Spa, è stato giudicato fuori tempo massimo dal M5S. "Come in MafiaCapitale, questa maggioranza si sveglia quando ormai è troppo tardi"

Per il Movimento 5 Stelle, l’immagine attraverso cui tradurre la volontà del sindaco Marino di lasciare Investimenti Spa è quella della stalla chiusa dopo che sono scappati i buoi. Il tempismo con cui si è maturata questa scelta infatti, non ha convinto i Consiglieri pentastellati del Municipio VIII. Soprattutto perchè sarebbe arrivata dopo l'approvazione di una variante urbanistica, che incrementerà le superficie nell'ex Fiera di Roma.

LA SCELTA - “Sembrerebbe 'cosa buona e giusta' il disimpegno annunciato dal Sindaco Marino dalla società Investimenti SpA che gestisce Fiera di Roma, ma è bene sapere tutta la storia per capire come si muove questa maggioranza. Investimenti SpA  - ricordano Cafarotti e Vivarelli - è una società che ha accumulato grandi debiti e che fa perdite in quantità industriale, una delle tante generate dal Comune di Roma dove vengono bruciati i soldi dei cittadini. Che ci sia qualcosa da fare lo capisce anche un bambino, e prima lo si fa, meglio è: finalmente ora ce lo ha dichiarato anche il Sindaco”.

LE DIFFICOLTA' DI INVESTIMENTI SPA - La scorsa estate,  il Movimento 5 Stelle era stato particolarmente critico verso una proposta di delibera arrivata da Roma Capitale. “Conosciamo le difficoltà finanziarie in cui versa la Investimenti S.p.A. - argomentavano in un post i consiglieri pentastellati  del municipio - ma ci domandiamo se questa Delibera non sia figlia della fretta volta a generare una plusvalenza per Investimenti S.p.A. per toglierla dalle paludi (industriali) in cui versa”. Cafarotti e Vivarelli ricordavano poi come “nella prassi, e in una sana economia, quando una azienda fallisce il suo oggetto, la sua missione e dunque non coglie gli obiettivi, è tenuta a portare i libri in tribunale, senza cercare scorciatoie o artifici per salvare la pelle”.

UNA DECISIONE TARDIVA - Tornando al recente annuncio del Sindaco, i due Consiglieri osservano che “si è desto dopo che Roma ha ricevuto un danno, e cioè non prima di aver fatto un regalo al palazzinaro di turno, facendo una variante al Piano Regolatore che permette una maggiore nuova cubatura sulla zona della Ex-Fiera di Roma”. Insomma, per il Movimento 5 Stelle “il tempismo doveva essere tutt'altro” e “proprio come in MafiaCapitale, questa maggioranza si sveglia quando ormai  è troppo tardi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento