GarbatellaToday

Radio 11 oscura le trasmissioni per ricordare la tragedia dei bambini vittime dei bombardamenti

Il network sociale del Municipio XI, decide di autoscurarsi per un giorno, lanciando un appello: “Se nella settimana dei diritti dei bambini non si riesce a fermare un massacro come quello di Gaza, allora qualcosa la stiamo sbagliando tutti”

La Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia, come altrove ricordato, non è un momento che va celebrato e poi, rapidamente, riposto in quegli antri della coscienza collettiva, che solo occasionalmente vengono rispolverati.

RADIO 11 SOSPENDE LE TRASMISSIONI. A darcene ulteriore dimostrazione, l’iniziativa intrapresa dal Network sociale del Municipio XI, Radio 11, che “in segno di lutto per i bambini palestinesi vittime, in questi giorni, dei bombardamenti e di tutti i bambini di ogni nazionalità, etnia e religione vittime della guerra, oscurerà per 24 ore il proprio sito – si legge in un post  diramato su facebook - con  la speranza che questa decisione di non celebrare l'anniversario della Convenzione dei diritti dei bambini venga raccolta anche da altre associazioni che si occupano di infanzia”.

UN APPELLO ESTREMO. Il gesto, indubbiamente, è forte. Oscurare un servizio, per difendere un diritto, è una scelta impegnativa, ma ha anche un radicamento profondo. “La scelta di oscurare per un giorno la radio non deve essere considerata come auto-boicottaggio – spiegano i cittadini e le cittadine del Network Sociale - ma come appello estremo rivolto a tutte le organizzazioni, grandi e piccole, che lavorano con i bambini: fermiamoci un momento. Siamo associazioni, non siamo aziende, usciamo dal vincolo della produzione di ‘ ritualità’ e dai paradossi che questo comporta” si legge ancora nel messaggio diffuso attraverso il social network.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

UN SEGNALE NECESSARIO. “Fermiamoci noi, perché se nella settimana dei diritti dei bambini non si riesce a fermare un massacro come quello di Gaza – conclude il comunicato - allora qualcosa la stiamo sbagliando tutti. E' necessario dare un segnale più forte. Non pensiamo che il lutto sia una cosa bella, ma crediamo che un giorno di lutto mondiale sia necessario, lo dobbiamo a questi bambini e lo dobbiamo come forte segnale umano a tutti gli altri”. Il segnale, lanciato da Radio 11, è di quelli che sembrano inequivocabili. Bisogna fermarsi un attimo, e riflettere. Ed è un invito che viene rivolto a tutti gli attori sociali in grado di accoglierlo. Un modo diverso, accorato e profondo, di raccontare le gravi, intollerabili violazioni perpetrate ai danni dei diritti ascrivibili ai minori.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Apre il centro commerciale Maximo, mancano le opere per il quartiere. Le spiegazioni dell'azienda

  • Omicidio a Marconi: colpito da una coltellata, morto 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento