GarbatellaToday

Occupazione Municipio VIII: “Falliti i tentativi di mediazione, ognuno se ne assuma la responsabilità”

Mediazione infruttuosa da parte del Municipio che ha fatto il possibile per garantire i servizi pubblici e l'assistenza sanitaria a bambini e più deboli. Catarci: "Adesso ognuno si prenda le proprie responsabilità"

E’ amara la valutazione che il Presidente del  Municipio VIII consegna alla stampa, attraverso una lunga nota. E’ la sintesi di quanto è avvenuto in questi giorni, dopo lo sgombero di via Baldassarre Castiglione. L’occupazione del Municipio. La gestione dell'emergenza ed i tentativi di mediazione.

GLI INTERVENTI  EMERGENZIALI - Il problema dell’emergenza abitativa, sempre denunciato nel territorio da parte dell’ente di prossimità, è infine esplosa “, a dimostrare una volta di più che in tal modo i problemi sociali tutt’al più si spostano ma rimangono intatti nella loro gravità” ha premesso Catarci, citando lo spostamento di centinaia di senza casa dall’edificio ex Inps, alla sede dell’ente di prossimità. “L’Ente municipale, oltre ad aver preso tutte le iniziative per il ripristino della normalità, ha trasferito i servizi nelle altre sedi di via delle Sette Chiese e via dei Lincei  e nelle ore più complicate ha dato assistenza ai bambini ed alle persone più deboli, grazie all’intervento straordinario dell’Ares 118, delle Associazioni di Protezione Civile Brigata Garbatella e Millennium, di medici e farmacie, che si ringraziano per aver volontariamente fornito aiuto e medicinali indispensabili”.

IL TENTATIVO FALLITO - Il desiderio di supportare le persone più in difficoltà, grazie all’intervento della Protezione Civile e dell’Ares 118, da una parte. Quello di garantire la continuazione dei servizi pubblici dall’altra, dimostrano il tentativo messo in campo dell'istituzione di prossimità, interessata a fronteggiare efficacemente una situazione emergenziale. “ Contemporaneamente dal Municipio si sono prodotti tutti gli sforzi per riallacciare il confronto tra le sfere istituzionali e gli occupanti – continua a spiegare il Presidente Catarci – chiedendo l’intervento del Presidente della Regione, del Sindaco e del Prefetto, fino all’incontro tenutosi tra i rappresentanti del Movimento di lotta per la casa e il Vice Sindaco in rappresentanza di Roma Capitale. Ma purtroppo sembra che lo sport in voga da più parti sia quello di annientare il ruolo di mediazione dei conflitti da parte della politica e delle istituzioni democratiche per delegarla alle questure - commenta il Minisindaco, che aggiunge - Così sono falliti tutti i tentativi e lo spazio per l’intervento politico del Municipio è stato azzerato: ognuno si prenda le proprie responsabilità, sia sul versante istituzionale che per quanto riguarda alcune organizzazioni del movimento di lotta per la casa”.

LA REPLICA AGLI ATTACCHI - Nel corso delle due giornate che hanno messo a dura prova l’ente di prossimità, si sono registrati non pochi attacchi alla persona del Presidente del Municipio. Attacchi a cui oggi, Catarci risponde. “Desolanti sono state le prese di posizione, tra il cinico e l’ipocrita, di chi in questi anni ha fatto tanti danni ed oggi, fingendo di non vedere l’enorme gravità della questione abitativa, azzera il cervello e si limita a chiedere il pugno duro”.

L'APPELLO ALLE ISTITUZIONI - La mediazione del Municipio è dunque fallita. Ma c’è spazio ancora per un ultimo invito. “Il Municipio rinnova l’appello al Presidente Zingaretti ed al Sindaco Marino affinchè intervengano concretamente e immediatamente sul dramma dell’abitare. Perché non può essere lasciato solo chi, come noi, non si rassegna a ridurre la questione abitativa a scontri di piazza e, come sempre, continuerà ad annoverarla tra le proprie priorità, proseguendo il corpo a corpo quotidiano sia con gli sfratti devastanti di singoli che con quelli altrettanto esplosivi di situazioni collettive”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento