GarbatellaToday

Street art Tor Marancia: sul Liceo Caravaggio un inno alla "bellezza della diversità"

La facciata del liceo artistico è stata completata dall'artista statunitense Gaia. In mattinata inaugurata l'opera. Catarci: "Il tema è la diversità intesa come arricchimento. E'un'altra opera realizzata da un privato e quindi a costo zero per l'amministrazione"

Inaugurata a Tor Marancia la nuova facciata del Liceo Artistico Caravaggio. L’opera dell’artista statunitense Gaia è stata presentata da Stefano Antonelli, fondatore di 999Contemporary, l’associazione che ha portato la Street Art a Roma. Insieme a lui, il direttore scolastico, l'amministratore delegato della Pfizer, l’azienda che ha finanziato l’opera. Ed i Presidente Catarci.

IL MESSAGGIO - “Inaugurata oggi l’opera ‘Uneven Humanism’ dell’artista americano Gaia che ha trasformato la facciata erosa della scuola II.SS. Caravaggio in un’altra splendida Street Art. Il dipinto di Gaia  –  ha spiegato il Presidente Catarci  è una rappresentazione di farfalle variopinte e volti di bambini metafore e simboli del processo migratorio che coinvolge uomini e donne di tutto il mondo, il tema è la diversità intesa come felicità, come bellezza, come unicità e arricchimento”.

L'OPERA E L'ARTISTA - “La missione era rappresentare la bellezza della diversità, rispetto alle omologazioni imperanti – ha chiarito Stefano Antonelli - L’artista ha realizzato vari bozzetti ed infine, insieme all’azienda ed al preside, è stato scelto quello che oggi vediamo realizzato in dimensioni monumentali da Gaia. A proposito, lui oggi non ha potuto partecipare perché si è dovuto recare a San Pietroburgo, dove gli hanno dedicato una mostra”.

GLI EFFETTI POSITIVI - L’opera d’arte, realizzata anche in collaborazione con gli studenti, rappresenta la ciliegina sulla torta per l'ex Shanghai. “Da grande cuore popolare Tor Marancia sta diventando sempre più un quartiere aperto alla Street art. Noi , grazie alla Street art – ha riconosciuto Catarci – stiamo attirando l’attenzione delle istituzioni sui tanti problemi inevasi di manutenzione urbana, rendendo più efficace l’azione di pressione del Municipio. Nello specifico, qui a Tor Marancia, stiamo facendo pressione sull’Ater ed abbiamo anche trovato le risorse per realizzare un altro ascensore visto che, tra i lotti, era rimasto escluso un inquilino con disabilità”. Gli effetti positivi sono notevoli. E non è quindi un caso se, partita dal Municipio VIII ed in particolare da Ostiense, la Street art stia progressivamente contagiando tanti quartieri della Capitale. Da San Basilio a Magliana.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento