GarbatellaToday

San Paolo, le #stradenuove durano poco: in via Tito tornano le toppe stradali

Il rifacimento di una strada di San Paolo dura poco. A distanza di tre mesi il manto di via Tito è stato ricoperto di rattoppi. Talli (Comitato di Quartiere): "Perchè hanno rovinato un lavoro fatto bene?"

"Questa è via Tiberio Imperatore rimessa a nuovo. Non una toppa ma asfalto vero". Il capogruppo del Movimento Cinque Stelle Paolo Ferrara aveva annunciato così, lo scorso aprile, il rifacimento della strada di San Paolo. Aggiungendo sarcastico: "Ditelo al Partito Democratico".La risposta non era tardata ad arrivare. "Complimenti bella bufala – aveva replicato l'ex consigliere dem nell'VIII municipio Claudio Mannarino – Il lavoro è stato eseguito da Italgas che ha installato le nuove tubazioni in base ad un accordo fatto con l'ufficio tecnico prima dell'arrivo del M5S in Municipio. Ecco perché è stata asfaltata la strada".

Best practice per evitare le toppe stradali

La circostanza era stata confermata dall'allora presidente penstastellato Paolo Pace ed ulteriormente chiarita dall'ex minisindaco Andrea Catarci. In sostanza "per evitare di trovarsi dei rattoppi su strade appena sistemate, all'inizio dell'anno si faceva una sorta di contrattazione su quali interventi andavano realizzati" aveva spiegato Catarci "ed è quello che è successo in via Tiberio Imperatore". Qualcosa non deve essere andata per il verso giusto. Forse è mancato il successivo controllo da parte dell'amministrazione visto che Via Tito, che della prima strada è la prosecuzione, si presenta oggi  piena di 'toppe' stradali.

Peggiorato un lavoro inizialmente ben fatto

"Due o tre mesi fa, sono stati effettuati dei lavori su delle tubature del gas da Via Silvia D'Amico fino a Via Costantino ed è quindi stata risistemata anche Via Tito – ricorda Eleonora Talli, ex consigliera municipale ed attuale Presidentessa del Comitato di Quartiere 'Arcobaleno' di San Paolo – un paio di settimane fa i tecnici sono ritornati in Via Tito a sistemare sempre la parte vicino ai tombini". Ma così facendo " è stato peggiorato un lavoro inizialmente ben fatto, anche perché, mentre c' era effettivamente bisogno di un secondo intervento, non si ravvedeva la necessità di un terzo – sottolinea Talli – e ancora oggi non ci capacitiamo del motivo per cui sono state realizzate, anche perché si  sono spesi tempo e denaro  per questioni inutili, in una strada sistemata di recente togliendo la priorità ad altre questioni più importanti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

  • Concorso Mibac, bando per 1052 assunzioni in tutta Italia. Tutte le informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento