GarbatellaToday

Retake San Paolo: tornano i manifesti abusivi alla fermata della metro

La stazione metropolitana, ripulita grazie al lavoro dei Retaker la scorsa settimana, è nuovamente imbrattata. Questa volta dai manifesti del Centro Sociale La Strada

Foto dal gruppo facebook RetakeRoma S. Paolo Garbatella

La battaglia per mantenere in condizioni decorose i quartieri del Municipio VIII prosegue. Il lavoro non è sempre agevole, perché necessita di spirito di sacrificio da parte di volontari che, ogni giorno, devono confrontarsi con atti di pura inciviltà. Come quello andato in scena alla stazione San Paolo nel corso del fine settimana.

VANIFICATO LAVORO VOLONTARI - Sono passati  davvero pochi giorni dall’ultima iniziativa del gruppo Retake S.Paolo Garbatella. Eppure  i muri della fermata metropolitana, sono tornati nuovamente ad essere imbrattati. Il lavoro dei tanti volontari che si erano alternati nella rimozione di manifesti e adesivi, è pertanto stato reso inutile. Inoltre, è stato frustrato anche  il tentativo di molti residenti che, dai social network, avevano  tentato di  presidiare la struttura.  Aggiornando i vari utenti, su ogni operazione messa prontamente in campo per contrastare, ogni iniziativa vandalica.

LA STRADA - Questa volta, sulle pareti della metropolitana, sono apparsi i manifesti del CSOA La Strada che il prossimo fine settimana festeggerà venti anni di occupazione. Il Centro Sociale, rimasto chiuso per mesi a causa d'un duplice incendio, a giorni riaprirà i battenti. E sta organizzando molte iniziative nel territorio, compreso un concerto pubblicizzato anche attraverso i manifesti abusivi sulla fermata di San Paolo.

PAROLE AL VENTO - La presenza di quei manifesti vanifica anche gli appelli del Presidente Catarci che, nei giorni scorsi, aveva raccomandato ai residenti un maggiore senso di responsabilità. Nel farlo,  il Presidente del Municipio VIII aveva esplicitamente riconosciuto  il valore di pratiche come quella messa in campo nella stazione di San Paolo. Secondo le parole del Minisindaco rappresentavano “ iniziative preziose perché specularmente contrapposte alle tante forme che assume la mancanza di senso civico e rispetto della città. Anch’esse  - aveva poi concluso Catarci - purtroppo in aumento”. La buona notizia però, è che la risposta dei Retaker, ancora una volta, non si è fatta attendere. La battaglia per arginare il degrado nel quartiere, continua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Terremoto Roma: nella notte scossa di magnitudo 3, epicentro ad est della Capitale

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

  • Coronavirus: a Roma 39 nuovi contagiati, 4031 casi totali nel Lazio da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 45 nuovi contagiati: 3600 casi nel Lazio da inizio epidemia. "In continua crescita i guariti"

Torna su
RomaToday è in caricamento