GarbatellaToday

Parco Garbatella mutilato un albero, spariti anche tutti i cestini: sono tornati i vandali?

Mutilato un giovane ligustro piantato vicino al mercato. L'eliminazione dei cestini è invece frutto d'una scelta consapevole

Il ricordo degli alberi brutalizzati nel parco di Legambiente, alla Garbatella, rappresenta una ferita aperta. Nell'estate del 2013, a distanza di pochi giorni, due differenti atti vandalici avevano portato alla distruzione di oltre sessanta alberature. Si trattava di esemplari giovani, scelti con cura, sui quali si puntava per la forestazione dell'area verde. 

Tornati i vandali?

Il timore che qualche vandali possano  tornare a devastare il prezioso polmone verde della Garbatella, aleggia sempre nel quartiere. E così, la recente sparizione di tutti i cestini e la contestuale devastazione d'un giovane ligustro, hanno gettato nello sconforto i residenti. I due episodi però, non sono tra loro collegati.

La sparizione dei cestini

"Siamo stati noi a togliere i cestini – ha spiegato Tommaso D'Alessio, presidente del Circolo Legambiente che ha in gestione il parco – lo abbiamo fatto deliberatamente, perchè non vogliamo che le persone si abituino a pensare che ai loro rifiuti provveda qualcun altro". Una scelta consapevole quindi, peraltro in linea con quanto accade anche nelle aree verdi gestite dell'Ente parco dell'Appia Antica. A differenza di quanto avviene nei parchi regionali, in quello che si trova a Garbatella ci sono dei volontari che raccolgono le bottiglie di vetro perchè, come spiegato dal presidente del circolo locale di Legambiente "se lasciate sul posto, possono rompersi e diventare pericolose".

L'albero spezzato

Restano però i rami spezzati al giovane ligustro che era stato piantato davanti uno degli accessi al parco. "Questo purtroppo è lo scotto che si paga quando si lasciano i parchi aperti. Però è anche una scommessa che col tempo da' i suoi frutti . Ora ci sono molti meno atti vandalici di qualche tempo fa – riflette Luigi Di Paola, neoconsigliere di Super 8 che, nel 2013, fu in prima linea nel denunciare le mutilazioni vissute dagli alberi di Garbatella – significa che la gente comincia a percepire quel posto come proprio". Ed è una buona notizia, dopo anni d'iniziative finalizzate a preservare prima e valorizzare poi il parco di via Rosa Raimondi Garibaldi. 

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Intolleranza al lattosio: come riconoscerla

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Sciopero: domani 24 luglio stop a metro, bus, treni e taxi. Tutte le informazioni

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

  • Incidente Anagnina, perde il controllo della moto: muore 32enne

  • Pistola contro la vittima per rapinarla del Rolex, poi cade in scooter durante la fuga

Torna su
RomaToday è in caricamento