GarbatellaToday

Profughi all'Ostiense, allarme freddo D'Annibale: "Evitare tragedia"

Situazione limite alla tendopoli di profughi afghani nei pressi della stazione Ostiense. "Rischio assideramento, il Comune intervenga subito", dichiara il consigliere D'Annibale. Catarci: "A breve un punto di prima accoglienza"

Le tende e l'emergenza freddo (foto Medu)

E' una vera e propria emergenza quella che coinvolge le decine di profughi afghani accampati in una tendopoli di fortuna nell'area dell'ex Air Terminal e sul binario 15 della stazione Ostiense. Con le temperature polari di questi giorni nella Capitale, i rifugiati politici e richiedenti asilo (tra i quali ci sono bambini e adolescenti) vivono e dormono nelle tende all'aperto e in condizioni disumane, assistiti dall'associazione Medici per i diritti umani (Medu)

Il presidente del Municipio XI Andrea Catarci annuncia in serata che "municipio e associazioni territoriali stanno per ottenere l'apertura di un punto di prima accoglienza per i profughi afghani, imperfetto e non risolutivo ma che consente di uscire dall'emergenza attuale e di occuparsi anche dei transitanti".

Nel pomeriggio di ieri, invece, il consigliere regionale del Pd e vice presidente della Commissione Politiche sociali Tonino D'Annibale aveva rivolto un appello al sindaco, chiedendo un intervento immediato per una loro sistemazione temporanea, considerando anche l'ulteriore calo delle temperature previsto nel fine settimana e le gelate notturne. "Sul binario 15 della stazione Ostiense e nei pressi dell'Air Terminal - dichiara D'Annibale - ci sono molti rifugiati afghani esposti alle intemperie che rischiano l'assideramento. Molti sono ragazzi, alcuni addirittura bambini che con il gelo e la neve di questi giorni sono costretti a dormire di notte, all'aperto e in giacigli di fortuna".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Comune di Roma - prosegue D'Annibale - ha il dovere di agire subito per una loro sistemazione temporanea. Hanno bisogno anche di viveri e generi di prima necessità, vestiti e coperte. Mi auguro che Alemanno e il Comune di Roma facciano qualcosa e subito, magari senza aprire l'ennesima, inutile polemica contro qualcuno. Segnalo con preoccupazione che, da giovedì sera, le temperature si abbasseranno ulteriormente a Roma e, con ogni probabilità, cadrà altra neve. Il tempo stringe e non possiamo aspettare che si compia una tragedia prima di correre ai ripari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

Torna su
RomaToday è in caricamento