GarbatellaToday

Garbatella: chiude l’ufficio municipale per la manutenzione di parchi e strade

A causa di pensionamenti e di trasferimenti, chiude l'unità tecnica del Municipio che doveva occuparsi di strade e verde: non è arrivato il personale in sostituzione

Immagine di repertorio

Il decentramento amministrativo, continua a rimanere un interessante progetto rimasto però soltanto sulla carta. Nel Municipio VIII, che da tempo chiede siano compiuti passi in avanti per realizzarlo concretamente, la prossima chiusura dell’ufficio tecnico citato, ne rappresenta un chiaro esempio.

IL PERSONALE DA SOSTITUIRE - “Si continua a sottrarre il personale ai Municipi per rinfoltire i già affollati Dipartimenti e Uffici centrali di Roma Capitale, dando il classico colpo di grazia al funzionamento dei servizi a livello decentrato. E’ il caso dell’Ufficio Manutenzione Strade, Territorio, Ambiente e Cavi Stradali dell’Unità Tecnica del Municipio Roma VIII, che fa introitare più di un milione di euro l’anno a Roma Capitale. Il servizio, dopo il pensionamento senza sostituzione del funzionario responsabile, è tenuto in piedi da due persone, un amministrativo ed un tecnico. L’amministrativo andrà in pensione tra pochi giorni  - ha sottolineato il Presidente Catarci - ed il tecnico, un architetto, dopo l’accoglimento della sua richiesta di trasferimento al Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica, dove tali figure di certo non mancano, è andato via. Non è stato inviato nessuno in sostituzione, nemmeno con diversa qualifica o livello, cosa che comunque non sarebbe sufficiente a colmare il vuoto attuale."

L'ASSESSORATO AL PERSONALE - “Per gli effetti di questo ennesimo atto di mortificazione dell’Istituzione di prossimità – avverte il Minisindaco – si è costretti ad annunciare la chiusura dell’Ufficio municipale, con tutte le conseguenze del caso." Sembra cambiato lo sparito ma non la musica per il Municipio. Nel corso delle precedente consiliatura, quando il Sindaco era Alemanno, il Presidente Catarci aveva più volte richiamato l’allora Assessore alle politiche sociali Cavallari, ad una maggiore attenzione per gli uffici municipali. Alemanno e Cavallari non ci sono più, ma questo deficit di attenzione, non è stato colmato. "Possibile che l'Assessorato alla Trasformazione Urbana non sappia di avere una risorsa umana in più, proveniente da un Municipio già in difficoltà di organigramma? E possibile, poi, che l’Assessorato capitolino al Personale, avvisato di quanto stava accadendo, non abbia ritenuto di intervenire neanche a posteriori?”.

IL DECENTRAMENTO MANCATO - La conclusione del Presidente Catarci è intuibile: bisogna investire seriamente nei poteri dell’istituzione di prossimità. "Non si può pensare di gestire Roma perseverando con logiche centralistiche, lasciando che più o meno lentamente  si arrivi al dissolvimento di strutture essenziali al funzionamento dell’intera macchina amministrativa. Al contrario, è necessario procedere verso la razionalizzazione della macchina politico-amministrativa capitolina con il potenziamento dei Municipi, cosa che all’indomani della nascita della Città Metropolitana è quanto mai urgente e non più rinviabile.”  

Potrebbe interessarti

  • Atac: tutti gli abbonamenti agevolati

  • Il miglior pane d'Italia: il Gambero Rosso premia due forni di Roma con il massimo dei voti

  • Distributori di Benzina "No Logo": dove il pieno costa meno

  • 7 laghi meravigliosi da visitare nei dintorni di Roma

I più letti della settimana

  • Sciopero: domani a Roma metro e bus a rischio. Gli orari e tutte le informazioni

  • Terremoto Roma: scossa avvertita in diverse zone della città. Epicentro a Colonna

  • Sciopero a Roma, martedì 25 giugno metro e bus a rischio: tutte le informazioni

  • Atac: tutti gli abbonamenti agevolati

  • Uccide la moglie e poi si spara: i due coniugi non riuscivano a pagare l’affitto

  • Il miglior pane d'Italia: il Gambero Rosso premia due forni di Roma con il massimo dei voti

Torna su
RomaToday è in caricamento