GarbatellaToday

Garbatella, Foschi si candida alle primarie del Pd. Catarci lo aspetta alle elezioni

La candidatura di Enzo Foschi alle primarie per la presidenza dell'VIII Municipio dimostra che a Roma non si è trovato l'accordo tra PD e SEL. Quest'ultima punterà su Catarci. La partita supera però i confini del territorio, considerato la roccaforte della Sinistra Ecologista

Anche nei Municipi è saltato il patto di desistenza tra PD e SEL. La decisione dei democratici di candidare Enzo Foschi alla guida dell'VIII, travalica i confini del territorio. E descrive uno scenario che, verosimilmente, ritroveremo in gran parte della città. Alla guida degli Enti di prossimità  concorreranno infatti, fuori dalle primarie ed uno contro l'altro, i candidati di PD e SEL.

IL PARADOSSO POLITICO - Nell'annunciare la decisione di accettare "la proposta unanime del mio partito municipale di candidarmi alle primarie da Presidente",  Enzo Foschi ha esplicitato anche quali sono i temi della contesa. " O la politica ricomincia dalle persone e dai problemi della loro quotidianità - ha dichiarato l'ex Caposegreteria di Marino - o non ce la farà mai a riconquistare una sua credibilità".  Buona parte della partita, nel centrosinistra, si gioca dunque sul crinale della credibilità. "Io trovo che sia una scelta arrogante. Non quella d'individuare un candidato come Enzo Foschi. La scelta arrogante è quella del Partito Democratico che crede di essere autosufficiente nel poter scegliere il candidato di centrosinistra.  E' un paradosso politico e logico: stiamo parlando del partito che ha ostacolato i propositi di cambiamento della Giunta Marino e che ne ha poi concluso indegnamente l'esperienza. Oltre che paradossale, è poco credibile. Inaccettabile".

LA SFIDA NELLA SFIDA - La scelta del Partito Democratico locale, è stata quindi esplicitata. Si punta su un candidato del territorio, forte di esperienze maturate in Regione ed in Campidoglio, per strappare a SEL la sua roccaforte. Quella Garbatella da cui arrivano esponenti di punta della Sinistra ecologista romana, vale a dire Massimiliano Smeriglio, Gianluca Peciola, Andrea Catarci.  La sfida trascende il territorio. E forse punta al cuore della Regione. Inevitabile quindi che contro un candidato come Foschi, serva un top player. E quindi SEL punterà ancora una volta sul suo cavallo, già tre volte vincente. Sarà così proprio Catarci, se l'ufficio elettorale del Campidoglio consentirà la sua quarta candidatura consecutiva, a tornare in pista. "Faremo tutto quanto è possibile per impedire che si perdano le esperienze sin qui maturate. E lo faremo praticamente in quasi tutti i Municipi di Roma" spiega il Minisindaco. Confermando indirettamente che la sfida tra PD e SEL, dalla Garbatella, si allarga ora al resto della città. "Io  metto a disposizione delle realtà locali l'ipotesi della mia candidatura, con l'auspicio che lo stesso avvenga in tutti quei territori in cui è risultato essenziale il contributo della Sinistra"precisa Catarci. "E' importante il messaggio di continuità con il buon governo del Municipio VIII che arriva da Andrea Catarci. Credo che questa sia la strada da seguire in tutti i Municipi, a partire dal VII" aggiunge subito l'ex Capogruppo Capitolino di SEL Gianluca Peciola. La candidatura di Susi Fantino a Cinecittà, diventà così automatica. Le modalità vengono però decise, ancora una volta, nell'VIII Municipio.

L'INVESTITURA DAL BASSO - Sarà l'iniziativa "Storie per Roma",organizzata giovedì 25 alla Garbatella, a mostrare il percorso da fare: serve l'investitura dal basso."Abbiamo individuato una settantina di esperienze messe in campo nel territorio, per input dell'amminisrazione municipale o in maniera del tutto autonoma - spiega l'iniziativa Andrea Catarci -  In un contesto dove le istituzioni,  a fronte dell'assenza di risorse e servizi, hanno fatto poco o nulla, la risposta è stata cercata nel territorio. Gli orti urbani, il coworking, il fablab, la street art, il centro sociale La Strada le mille forme di volontariato, sono questi gli elementi da cui si riparte nella buia notte romana. E' questo che abbiamo fatto nel Municipio VIII, innaffiando ogni giorno una piantina fatta di tante esperienze". Sono dunque queste le realtà locali che, con le differenze che si riscontreranno nei vari municipi, saranno chiamate a valutare le candidature della sinistra romana. " Le nostre esperienze a sinistra devono dare lo stesso segnale. La sinistra diffusa - ricorda Peciola - deve mettere in campo programmi, buone prassi e figure rappresentative". Come avverrà alla Garbatella. In gioco, non c'è soltanto la Presidenza dei Municipi.
 

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • Le migliori palestre con piscina a Monteverde

I più letti della settimana

  • La figlia non risponde al telefono da due giorni, chiamano i carabinieri e la trovano morta

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

Torna su
RomaToday è in caricamento