GarbatellaToday

Cartellopoli a Garbatella: abusivi e pericolosi, i cartelloni vanno rimossi

Un appello lanciato dalle associazioni Cittadinanza Attiva, Basta Cartelloni e Disabili Visivi, raccolto dal Municipio XI, segnala la presenza di cartelli abusivi affissi in maniera pericolosa

Il decoro urbano è un tema importante. Lo è per moltissime ragioni: perché garantisce la godibilità di una città da parte dei suoi residenti, come dei tantissimi turisti che, nel caso della Capitale, ogni anno vi si recano. Ma il decoro urbano, in certe condizioni, può diventare anche un fattore indispensabile per garantire la sicurezza stradale. Per gli automobilisti come per i pedoni.

CARTELLONI PERICOLOSI. Per questa ragione, raccogliendo le segnalazioni di alcune associazioni di promozione sociale, il Municipio Roma XI ha denunciato la presenza di alcuni cartelloni abusivi su Via Cristoforo Colombo. Che sono pericolosi, in questo caso, non tanto per il normale traffico veicolare, quanto piuttosto per quanti si trovassero a transitare sul marciapiede. Il posizionamento inadeguato di questi impianti pubblicitari, installati ad altezza d’uomo, è tale da costituire un evidente pericolo per le persone prive di vista.

CARTELLOPOLI E NONVEDENTI. “Non si ferma lo scempio del territorio con l’installazione intensiva dei cartelloni pubblicitari nel Municipio XI. Ogni centimetro appetibile viene preso d’assalto e spesso si dimentica di rispettare, prima ancora che le regole del codice della strada e del regolamento sulle affissioni, il puro buon senso – dichiara in una nota il Presidente Catarci, che aggiunge - E’questo il caso dell’ennesimo impianto pubblicitario su cui il Municipio ha chiesto l’intervento dei Vigili Urbani, che hanno prontamente sanzionato la ditta installatrice. Se ne è dunque sollecitata l’immediata rimozione all’Assessore capitolino competente, Davide Bordoni, poiché si tratta d’un cartellone basso installato sulla Cristoforo Colombo, a due passi dalla sede della Regione Lazio, su un attraversamento pedonale. Ed è particolarmente pericoloso per le persone che sono prive della vista, come segnalato dalle Associazioni Cittadinanza Attiva, Basta Cartelloni e Disabili Visivi.”

GLI INTERESSI ECONOMICI ED IL DECORO. Ma se il tema del decoro urbano, da una parte, costituisce un volano per lo sviluppo delle attività turistiche; e nonostante sia anche un fattore che contribuisce a perseguire migliori standard di vivibilità dello spazio metropolitano, si deve comunque scontrare con una pluralità di interessi economici che, spesso, ne hanno il sopravvento. A discapito delle buone intenzioni di alcuni amministratori. “Nel Municipio XI l’azione di rimozione è completamente ferma – denuncia Catarci - La realtà è che, a parte le chiacchiere sul Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari (PRIP) ancora non operativo, con la Giunta Alemanno il disinteresse per gli spazi comuni e il decoro è cresciuto giorno dopo giorno. Si tollerano migliaia di pericolosi e osceni mostri di ferro e cemento, disseminati ovunque, pur di permettere la prosecuzione dei devastanti affari degli oltre 400 operatori del settore delle affissioni.”  Un business che, in questo caso, è stato facilmente sanzionabile per la grossolana approssimazione con cui l’operatore ha impiantato i cartelli pubblicitari. Creando, oltre che una situazione di degrado, anche un evidente intralcio alla circolazione dei non vedenti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale a Roma, bomba d'acqua sulla città: tre stazioni metro chiuse. Strade allagate

  • Palazzina a rischio crollo: evacuate 24 famiglie a Ciampino

  • Viabilità: le strade chiuse per sabato 30 novembre e domenica 1 dicembre

  • Tragedia a Ostia, muore bimbo di 11 anni: si era sentito male a scuola

  • Omicidio Luca Sacchi, 5 misure cautelari. Nello zaino di Anastasia 70mila euro per 15 chili di droga

  • Sciopero a Roma: lunedì a rischio tram, metro e bus. Gli orari

Torna su
RomaToday è in caricamento