GarbatellaToday

Tor Marancia, solidarietà agli occupanti di via del Caravaggio: "I loro bambini crescono con i nostri"

Dai genitori dell'I.C. Poggiali Spizzichino una raccolta firme per chiedere a Comune e Regione di avviare una trattativa sul futuro degli immobili: "Bambini e ragazzi sono inseriti nella nostra comunità"

Non sono sole le famiglie che vivono negli stabili occupati di via del Caravaggio. Con loro infatti si sono già schierati un centinaio di residenti. Sono i genitori dell'Istituto Comprensivo Poggiali Spizzichino, le scuole di Tor Marancia e Montagnola, al cui interno sono iscritti molti studenti che vivono nello stabile occupato.

Gli amichetti di scuola

"La maggior parte dei minori presenti nel palazzo sono i compagni di classe dei nostri figli, sono gli amichetti con cui vivono la quotidianità sui banchi di scuola, con cui giocano al parco, con cui condividono la crescita", si legge nella petizione lanciata da Fabio Giardinetti su piattaforma change.org 

La richiesta

In poche ore, la raccolta firme lanciata dal rappresentante dei genitori dell'Istituto Comprensivo, è riuscita a mobilitare un gran numero di residenti. Hanno aderito alla petizione "per manifestare solidarietà e supporto agli occupanti". Ed anche per chiedere  a Comune e Regione di "aprire un tavolo di trattativa con la proprietà al fine di scongiurare una qualsiasi azione che non sia a tutela e rispetto di bambini e ragazzi" che, in via del Caravaggio 105, si stima sia un centinaio.

Il timore degli occupanti

Nei giorni scorsi, alcuni occupanti si erano recati davanti la sede del Municipio VIII per manifestare la propria preoccupazione.  "Alcuni tecnici della Commissione sicurezza per gli stabili pericolanti del comune, si erano presenati senza preavviso ai cancelli dell'occupazione" aveva speigato Luca Fagiano, dei movimenti per il diritto all'abitare. "In quell'occasione è stato comunicato  – ha aggiunto l'attivista –  che entreranno senza chiedere il permesso e questo ha diffuso agitazione tra le famiglie che adesso temono di restare senza una casa”. Un'ipotesi da scongiurare. "Minori, oggi inseriti i ambiti sicuri e accoglienti, non possono in alcun modo essere sottoposti a traumi derivanti da operazioni sconsiderate, finalizzate all’allontanamento dal proprio ambiente di crescita" si legge sulla petizione lanciata online.

La solidarietà del Municipio VIII

Gli immobili, situati difronte agli uffici regionali di via del Caravaggio, sono recentemente stati colpiti da un incendio che ne ha danneggiato un piano.  Da qui l'intervento dei tecnici ed il timore di un allontanamento coatto dagli edifici. Ma gli occupanti non sono soli. " La solidarietà della comunità scolastica è un segnale importante che coincide con la posizione del Municipio – fa sapere il Minisindaco Amedeo Ciaccheri -  Il destino delle famiglie di Caravaggio è la priorità a cui il tavolo con Comune e Regione dovrà dare risposta. Non si tratta di una questione di ordine pubblico, c'è un tema che riguarda il diritto all' abitare che non può essere tralasciato da nessuno degli attori che oggi sono chiamati a prendere parola su questa vicenda".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento