GarbatellaToday

Troppe buche, non basta il limite a 30km/h: ora si chiudono direttamente le strade

Strada chiusa a causa delle buche: succede a Porta Medaglia

Prima è arrivata la decisione di Atac, che ha soppresso le tutte le fermate della linea 702 previste su via di Porta Medaglia. Poi, a causa dei continui danni accusati dagli automobilisti, è intervenuto anche il Comando di Polizia Locale, chiudendo al transito il tratto compreso tra Torre Sant'Anastasia e via Ardeatina. 

I danni alle auto

Nel pomeriggio di sabato 10 marzo, sono stati numerosi i residenti costretti ad accostare l'auto, per la rottura di una gomma. E poichè via di Porta Medaglia è priva di corsie d'emergenza, lasciare il veicolo sul bordo della strada significa limitarne ulteriormente la percorribilità. "Un disagio durato per ore al punto che alcuni cittadini, per ingannare l'attesa, hanno portato delle sedie" hanno commentato alcuni testimoni.

Disagi ampiamente prevedibili

Anche la decisione di Atac ha alimentato lo sconforto. La totale impraticabilità di Porta Medaglia, sta ifnatti creando disagi a tutto il quadrante. " Oltre ai residenti di quella strada, sono rimasti senza trasporto pubblico anche i cittadini di Via Ardeatina, del Divino Amore, di Falcognana  e Canestrini" ha fatto notare Massimiliano de Juliis, vicepresidente del Consiglio nel Municipio IX. Eppure anche negli ultimi giorni, in barba ai divieti, hanno continuato a transitare i tir. Il loro passaggio non fa altro che peggiorare le condizioni d'un manto stradale che da anni versa in cattive condizioni.  Già "nella delibera di bilancio di fine 2016, vennero approvati degli ordini del giorno per il rifacimento dei tratti più ammalorati di alcune strade, tra cui di Via castel di leva e Via di Porta Medaglia - ricorda De Juliis -  Ma a distanza di un anno e mezzo nessuno si è preoccupato di far rispettare quella decisione presa dal municipio". Ora, per riportare la via in condizioni decenti, e intervenuti per tempo significa che ora dovranno essere spesi molti più soldi".

Il rispetto della segnaletica

"Porta Medaglia in questo momento è l'area maggiormente attenzionata dal Municipio IX" ha precisato il presidente della Commissione Mobilità Giulio Corrente. Tuttavia occorre trovare risorse e soluzioni. Il Municipio IX aveva cullato la speranza che la strada potesse essere rifatta da RFI. La possibilità, com'è stato chiarito in una recente commissione della Città metropolitana, non è più in campo.  Resta la necessità di provvedere rapidamente alla sua messa in sicurezza. E parallelamente, occorre vigilare sul rispetto del divieto di transito ai mezzi pesanti. Sul tavolo varie opzioni, tra cui quella di chiedere l'impiego di pattuglie, possibilmente dotate del dispositivo per lo street control. "Ma – fanno sapere dal Municipio IX – dipenderà dalle risorse disponibili della polizia loicale".

Urgono interventi concreti

Intanto la strada è stata chiusa, poichè i limiti a 30km/h non ne garantivano più la sicurezza. "Quella stradina di campagna è il risultato dell'incapacità di quest'amministrazione che ha consentito ai mezzi pesanti, per mesi, di transitare liberamente su Porta Medaglia – ha osservato l'ex presidente del consiglio municipale Marco Cacciotti – Ora si intervenga in maniera assennata: scarica barile e giri di parole, hanno ormai fatto il loro tempo".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

  • Da Acilia a Marranella, colpo a vecchie e nuove piazze di spaccio. Presi i nuovi capi: 21 arresti

Torna su
RomaToday è in caricamento