GarbatellaToday

Team Boxe Roma XI, la palestra della Montagnola fucina di talenti

A pochi giorni dalla difesa del titolo mondiale, l'allenatore di De Carolis racconta la storia di una palestra popolare che vede allenarsi ragazzi di ogni estrazione sociale. Ascani: "I nostri sforzi sono ripagati dalla loro gratitudine"

Si avvicina la prima difesa del titolo mondiale dei pesi supermedi Wba. Per la terza volta nel corso dell’ultimo anno, Giovanni De Carolis dovrà prendere un aereo e raggiungere la Germania. Ad attenderlo sul ring del Max Schmeling- Halle di Berlino,  il prossimo sabato troverà un pugile intenzionato a riportare il titolo in patria. Per riuscirvi però, dovrà sconfiggere l’atleta di punta d'una delle palestre popolari più apprezzati del paese: la Team Boxe Roma XI.

“La nostra realtà - racconta Luigi Ascani, uno dei due fondatori della palestra - è nata nel 2004 quando, grazie all’aiuto dell’amministrazione locale, abbiamo riqualificato un capannone degradato ed abbandonato” . All’epoca dei fatti, a governare l’allora Municipio XI, c’era Massimiliano Smeriglio, attuale numero due della Regione Lazio. “Ci siamo rimboccati le maniche, insieme ad Italo Mattioli – racconta Ascani– e da allora abbiamo trasformato quel posto, vissuto da persone con disagio e problemi di tossicodipendenza, in una palestra polare”.  

Il capannone, un po’ nascosto, anche all’ora di pranzo è risultato esser pieno di atleti.“Abbiamo circa 130-150 iscritti, di cui 40 agonisti e 7-8 professionisti – ricorda orgogliosamente Ascani, un passato da pugile nella Libertas di via Taranto - Lavoriamo con tribunali e assistenti sociali, per inserire i giovani che ci vengono segnalati nel mondo dello sport. E lo facciamo aggregando questi ragazzi, con universitari, lavoratori, imprenditori. Vengono tutti per imparare a svolgere quest’attività. Ci sono giovani di ogni genere  nella nostra palestra e devo dire che ci mettono tutti dedizione e  passione. Noi qui stiamo 8 o 9 ore al giorno, talvolta anche il fine settimana, e lo facciamo sottraendo tempo alle nostre famiglie. Però alla fine, quando vediamo la riconoscenza che ci mostrano - ammette Luigi Ascani -  ci sentiamo ripagati”. 

Dalla Team Boxe Roma XI, la sesta palestra in Italia e per anni la prima nel Lazio, non sono i soldi ad offrire le vere gratificazioni, che nascono piuttosto dalle soddisfazioni quotidiane e dai risultati sportivi. Qui si è formato il gigante Guido Vianello, già pronto per le olimpiadi di Rio. Ed anche Giovanni de Carolis. “Come si dice in gergo, siamo carichi a pallettoni – ci confessa Ascani – e invito tutti a venire a Berlino sabato 16. Noi dobbiamo dimostrare i avere ancora fame di vittoria e dovremo dominare il palcoscenico, perché saremo ospiti in campo straniero. Quindi dobbiamo vincere e convincere”. Un risultato cui guarda con interesse un’intera comunità. Ormai estesasi ben oltre le mura del miracoloso capannone di via Pico della Mirandola.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

  • Concorso Mibac, bando per 1052 assunzioni in tutta Italia. Tutte le informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento