GarbatellaToday

Parco Tor Marancia, l'unica area già attrezzata resta chiusa. Flash mob di protesta

Fratelli d'Italia ha organizzato un flash mob per riaccendere i riflettori sul destino del parco. De Priamo (FdI): "Sia subito aperta l'area attrezzata di viale Londra"

L'ingresso di Piazza Lante

Riaprire almeno una porzione del parco di Tor Marancia. Per arrivare, col tempo, a rendere fruibile tutte le aree destinate ai cittadini. E' questa l'intenzione con la quale, un gruppo di attivisti e dirigenti di Fratelli d'Italia, nel pomeriggio di mercoledì 20 maggio ha inscenato un flash mob a viale Londra.

Gli ambiti funzionali del parco

"Qui a viale Londra siamo davanti uno dei tre 'ambiti funzionali di attuazione' del parco (Afa), spazi dotati di arredi e sentieri. Questo è l'unico ad essere stato completato ma rimane ancora chiuso al pubblico" ha spiegato Andrea De Priamo, consigliere capitolino di Fratelli d'Italia.  "Negli anni l'attivazione delle altre aree ha subito degli stop. Su piazza Lante, dov'è presente la Centrale Acea, si sono verificati i ritardi più consistenti. Invece  l'Afa 3 – situato tra via Carpaccio e via di Grottaperfetta – si è fermato per l'azione legale intrapresa da alcuni cittadini. Ma il procedimento è stato archiviato, per cui sono maturi i tempi per far ripartire i lavori ".

Il flash mob e le richieste

"Quella della realizzazione del parco di Tor Marancia è stata storicamente una battaglia del centodestra, quindi il nostro essere qui s'inscrive in un solco tracciato negli anni – ha chiarito il Consigliere De Priamo – chiediamo pertanto che l'ambito funzionale di viale Londra sia aperto ai cittadini. Al tempo stesso vogliamo che ripartano i lavori in via di Grottaperfetta e che si cominci ad attrezzare anche la zona di piazza Lante".

Il prezzo del parco 

I duecento ettari che compongono la tenuta di Tor Marancia, rappresentano l'unica area verde compresa nel parco regionale dell'Appia Antica che i romani non sono riusciti ancora ad utilizzare. Eppure la sua realizzazione è stata pagata cara in termini di cubature. Per cedere i diritti edificatori sulle aree che ora fanno parte della tenuta  i costruttori hanno ottenuto generose compensazioni. Un motivo in più per accelerare l'apertura del parco. Almeno nell'ambito funzionale che è stato già attrezzato. 

Interventi generali di recupero di Tor Marancia-2


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

  • Concorso Mibac, bando per 1052 assunzioni in tutta Italia. Tutte le informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento