GarbatellaToday

Montagnola: i "nasoni hi tech" arrivano anche in via Benedetto Croce

All'interno della sede municipale, è stata installata una nuova "casa dell'acqua". Si potrà scegliere tra quella naturale e frizzante, sarà gratuita ed il nuovo "nasone" consentirà di ricaricare anche i cellulari. L'acqua del Sindaco è diventata hi-tech

La Casa dell'Acqua di via Benedetto Croce non è certo la prima ad esser stata installata a Roma. Ma è senz'altro l'unica che, per ora, ha trovato spazio nel territorio municipale. A differenza di altri municipi, qui si è scelto di aprirla non tanto in uno dei numerosi mercati rionali che popolano il quadrante. Bensì a ridosso delle stesse isituzioni, ovvero all'inteno del perimetro dov'è preente la sede del Municipio VIII. Forse un segno

L'INAUGURAZIONE - “Alla presenza degli esponenti della Giunta municipale, dell’Ing. Martino in  rappresentanza di ACEA Acqua,  del personale tecnico ed operativo dell’ACEA e dei cittadini del territorio, si è inaugurata la Casa dell’Acqua, installata presso la sede del Municipio Roma VIII alla Montagnola - hanno dichiarato, in una nota, il Presidente Catarci e l'Assessora Angelucci, che hanno sottolineato di aver - subito aderito alla possibilità prospettateci dall’ACEA di poter installare dei nasoni hi-tech per l’erogazione dell’acqua”.

NUOVI E VECCHI NASONI - I servizi che la casa dell'Acqua offre, sono numerosi. “Ora dipendenti capitolini, cittadini ed utenti del Municipio potranno liberamente usufruire di un servizio innovativo e utile. I vantaggi sono molteplici: dal rispetto dell’ambiente, con il più che probabile obiettivo di non accumulare tra i rifiuti le bottiglie di plastica, all’avere sempre a disposizione acqua fresca e, a seconda dei gusti personali, anche frizzante, fino ad utilizzare l’impianto per ricaricare tablet e smartphone - continuano Catarci e Angelucci - Questa è la strada giusta da percorrere per innovare e migliorare la qualità della vita dei romani  e non ci fermiamo qui ed anzi è in cantiere la predisposizione di un’altra casa dell’acqua sul nostro territorio. Infine, si è colta l’occasione per chiedere ad ACEA di ripristinare dei tanti ‘nasoni’ tradizionali che per vari motivi risultano chiusi.”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento